Scroll to top
Adress
Via dei Lombardi, 5
40069 Zola Predosa, BO
Phone
+39 051 6168711

VRM SPA: Siamo pronti a ripartire

Emergenza Covid: VRM è pronta a ripartire ma in sicurezza!

Il Gruppo VRM SPA è pronto a ripartire dopo la chiusura forzata per l’Emergenza Covid. A dirlo l’AD Florenzo Vanzetto che, in un’intervista rilasciata ieri al Corriere di Bologna, ha spiegato come già da tempo le linee produttive del gruppo hanno provveduto a munirsi di tutti i dispositivi di sicurezza per far fronte a questa situazione. Ora si attende solo il via alla riapertura che potrebbe già avvenire la prossima settimana per le aziende che operano nel settore dell’automotive, anche se al momento si tratta ancora solo di un’ipotesi della famosa Fase 2 attualmente al vaglio.

Florenzo Vanzetto, presidente di VRM SPA, azienda di spicco nell’ambito della componentistica per auto della Motor Valley Emiliana, ha investito infatti € 80.000 nella sicurezza per fronteggiare l’emergenza.

… E ha iniziato a farlo «da molto prima di ieri», spiega. E cioè dalla fine di gennaio quando, tornato da un viaggio di lavoro in Cina, ha capito che «bisognava tutelarsi molto in fretta». Da allora ha messo in campo tutti i dispositivi necessari, compresi dei costosissimi termoscanner. Florenzo Vanzetto, volto simbolo della componentistica automotive, negli ultimi anni ha sottratto dal fallimento due imprese bolognesi, Marzocchi Motor nel 2016 e RCM Automotive nel 2019, e con loro centinaia di lavoratori.

Alla cosiddetta fase due, Vanzetto è quindi “pronto da molto tempo”.

VRM SPA è pronta?

“Lo è da prima della firma del protocollo sulla sicurezza nei luoghi di lavoro. Qui si operava con guanti e mascherine da inizio marzo. Sono tornato dalla Cina il 24 gennaio, appena in tempo. Ero a 800 chilometri da Wuhan. Ma avendo tanti clienti nel settore delle due ruote in quell’area come la Benelli, che dal 2005 fa parte del gruppo industriale Qianjiang, ci siamo resi subito conto che avremmo dovuto tutelarci in fretta”.

Che accorgimenti avete preso?

“Sanificazione profonda dei siti, ripetuta ogni settimana. Guanti e mascherine per tutti, siamo autonomi per altre 3 settimane. Molte sono arrivate in dono dai nostri committenti in Cina, subito solidali. Presenze contingentate: lavoravamo su 2 turni, sono diventati 3 con pause di mezz’ora per evitare che gli operai si incrociassero in spogliatoi e spazi comuni. Abbiamo iniziato a misurare la temperatura in entrata e approntato un sistema via mail che tutelasse la privacy per le segnalazioni di chi avesse avessero avuto contatti a rischio”.

What about the cafeteria services?

“Dimezzati i coperti già a marzo e cestini take-away. Per la ripartenza stiamo studiando barriere in plexiglass insieme ad una società milanese, la Eurostands, che ci ha fornito anche 50 barriere per le postazioni più a rischio, come il montaggio, che ora saranno indispensabili”.

Colossi come Ferrari e Ducati si dicono pronti a fare test sierologici, voi?

“Non siamo da meno, siamo in contatto con la società Lifebrain anche noi. Abbiamo, inoltre ordinato 9 termoscanner per l’ingresso delle sedi. Si passerà sotto una telecamera che, con discrezione, segnalerà chi ha più di 37,5. Un grosso investimento, 5.500 euro per termoscanner. Li abbiamo ordinati in anticipo, 2 mesi i tempi di attesa”.

Ha un messaggio in bottiglia da recapitare alla politica?

“Bonaccini ci dimostri che ha capito davvero quanto vale la sua Motor Valley”.

Come sta VRM?

“Se non si riparte lunedì rischiamo perdite di fatturato del 50%, soprattutto nel comparto delle moto. Se i colossi ripartono il 3 maggio, per assicurare loro i componenti dobbiamo iniziare due settimane prima, al netto delle criticità dei piccoli fornitori che stiamo aiutando con dispositivi e procedure da imitare. Il fatturato 2020 da 85 milioni che sognavo rischia di essere un miraggio (71 nel 2019, ndr). E in un mese (prende la calcolatrice) abbiamo già perso il 18% degli ordini”.

Lavorate anche nella moda; altra filiera indicata tra le prime a riaprire…

“Sì, siamo fermi da troppo tempo. A Febbraio ho acquisito la maggioranza di Metalplus, leader toscano nella fornitura di accessori metallici per clienti come Gucci e Bottega Veneta“.

This page is also available in: English